BEERSTRUCTION - VIRGIN - BA, 18/02/2016
Backjumper + Reality Grey + End Of Skyline + Overkhaos + Diemocracy
AlexNespoli, martedì 23 febbraio 2016 - 09:23:00



Birra e Metal sono ormai un connubio acclarato e molto felice e vera pietra angolare di questo giovane appuntamento in terra levantina. Dopo un rapido ma poco felice cambio di location, da Villa Casale al Virgin di Bari Centro, si è arrivati a sfidare vicini di casa con problemi di iperudito, vigili urbani forse un po' troppo zelanti e locali vicini poco collaborativi, ma per il Metal si fa questo e altro.

Come da programma, arrivati in perfetto orario, notiamo che il locale è già abbastanza pieno, arricchito da uno stile molto anni'70, ma tra stili un po kitsch ci si intende bene. Con un po' di ritardo ma ecco che salgono sul palco gli opener:

DIEMOCRACY

Formatisi da poco ma dotati di un sound interessante e di un'ottima padronanza del palco, i Diemocracy, propongono un death metal, con un forte impianto ritmico, vicino alle progressioni thrash/death dei Testament. Il tutto impastato con un tecnicismo e una tensione contrappuntistica, degno del miglior progressive metal di marca tardo novantiana. Decisamente un ingresso più che degno per questa band. In alcuni punti il songwriting risultava un po' anonimo, ma nel complesso l'esibizione è stata particolarmente apprezzata.

OVERKHAOS

Dopo un cambio palco a dire il vero un po' caotico, complice uno stage decisamente stretto, è la volta dei tarantini Overkhaos, anch'essi artefici di un progressive metal, molto pompato, pomposo e con qualche barocchismo di troppo.
Il sound tortuoso dei tarantini si caratterizza per un vagare fra sonorità molto diverse a ridosso fra il power/thrash dei Symphony X, con tutto il riffage disponibile e i complessi intrecci e contrappunti di chitarra tipici tanto della scuola europea (moderate allusioni agli Spiral Architect) quanto di qualche accenno a qualche lontana influenza dei Cynic. Forse un piccolo appunto per la sezione ritmica. Il basso avrebbe meritato un sound più deciso e parallelo rispetto a quello più rotondo e totale della batteria.
Dal punto di vista di presa sul pubblico, la parte del leone è spettata al vocalist Mimmo D'Oronzo, mentre tutto il comparto strumentale è risultato un po' troppo morigerato nell'impatto live. Ma ciò non ha assolutamente inficiato la qualità della loro esibizione.

END OF SKYLINE

Dopo l'ennesimo cambiopalco, sempre particolarmente sacrificato, è la volta degli End of Skyline. Avevo avuto modo di apprezzare questa band già ai tempi dell'ultimo Raw&WildFestival in quel del Demodè, notando la commistione di progressive e atmosfera, il tutto cementato da una freschezza compositiva che se da un lato non fa certo gridare al miracolo, per la musicalità molto "classica", dall'altro contribuisce a concentrare l'ascolto sull'elemento "groovy", che costituisce, in buona percentuale, il trademark del combo barese. Ottima come al solito la performance vocale di Milly Florio, molto sentita e teatrale


REALITY GREY

Ci avviamo così verso gli step finali della serata, anche se con un ritardo un po' pericoloso, dal la locazione nel centro di una grande città, in un giorno lavorativo. Ma, lo spettacolo continua comunque. È la volta dei Reality Grey, band ormai che non necessità più di tante presentazioni. Anni e anni di esperienze in grossi live, bagaglio tecnico invidiabile, stile compositivo lucido e a coronamento di tutto, una bella esperienza in Sol Levante. Ma i Reality Grey sono principalmente una live band, un fenomeno white noise che prepara alla deflagrazione finale. È infatti con loro che il pubblico del Beerstruction che si è dato maggiormente da fare. Un pogo delle grandi occasioni nonostante lo spazio esiguo, almeno nella zona antistante al palco. Da un punto di vista tecnico i Reality Grey hanno sfoderato un show davvero notevole per precisione esecutiva e presa sul pubblico. Degno di nota il team up con Pac-Man dei Backjumper con il quale si è duettato sulle note di "Redneck" dei Lamb of God.

BACKJUMPER

Ahimè, gli headliner della serata, i grandi Backjumper, si sono trovati nella condizione meno positiva della serata. Quella di dover fermare il proprio concerto a soli tre brani, per l'arrivo della polizia, che come al solito di fronte ad eventi di questo genere in particolare, ha sempre un occhio di riguardo per organizzazione e gruppi. I Backjumper non si sono dati per vinti e in tre brani hanno avuto le palle, il colpo d'occhio e la signorilità di rispettare il proprio pubblico dando vita ad un concerto memorabile, anche nella sua brevità. Conclusione con scambio di favori, questa volta risale sul palco Tommy dei Reality Grey, per proporre una devastante versione di "I will be heard" degli Hatebreed, accompagnata da un altrettanto terremotante favore del pubblico.


Si conclude così un nuovo Beerstruction. Un appuntamento con forti possibilità di crescita, sia in termini artistici che di marketing. Ovviamente all'interno dell'organizzazione ci sono dettagli e punti da chiarire, per evitare ritardi e qualche piccolo disguido logistico. Ma, si tratta ovviamente, di problemi fisiologici, tipici di un'organizzazione che ha bisogno di esperienza ma, che ci auguriamo, non tarderà a mancare, tenuto conto dei sacrifici, in termini economici e di tempo affrontati dal team, il tutto però corroborato da una massiccia dose di voglia di fare e di passione per il genere.



Condividi su Facebook



questo oggetto è tratto da Apulian Destruction
( http://www.apuliandestruction.com/e107_plugins/content/content.php?content.488 )